Mulesoft anypoint monitoring: il tool di Mulesoft per il monitoraggio

Mulesoft monitoring è il tool di Anypoint Platform che si occupa di fornire visibilità alle integrazioni implementate all’interno dell’application network e fornisce preziosi feedback dai flussi di Mule e dagli altri componenti. Si tratta di uno strumento di monitoraggio a tutti gli effetti ed è di grandissimo aiuto per individuare eventuali problemi all’interno del sistema di integrazione. Lo strumento è quindi utilizzato per evidenziare problemi e fornire le giuste soluzioni. Questo permette di individuare e risolvere velocemente le problematiche grazie a metriche aggregate, strumenti di visualizzazione dei dati, specifici alert e un sistema di log aggregation.

Perché il monitoring di Mulesoft è una soluzione competitiva sul mercato? Parliamo delle caratteristiche principali, partendo dagli alert. Gli alert permettono di tenere traccia dei trend e possono essere customizzati: in questo modo puoi tracciare i comportamenti anomali che si possono verificare all’interno del tuo application network e dare priorità a quelli che ritieni più importanti, grazie a un sistema di regole e di soglie.

Al superamento delle soglie preimpostate, riceverai una notifica. La stessa notifica può essere impostata in base alla gravità del problema.

Mulesoft offre inoltre il Logging system: questo permette di ricercare facilmente tra i diversi registri e tra i dati contenuti nell’intero applicativo, così da individuare più velocemente la principale causa del problema operativo ed eventuali guasti.

Anypoint platform monitoring: i vantaggi

Mulesoft monitoring permette agli sviluppatori di avere una visione completa dello stato del proprio application network, colmando così il divario tra il monitoraggio delle performance e la raccolta dei dati, derivanti dall’analisi (log management). La migliore visibilità aziendale comporta importanti vantaggi anche per il cliente:

  •  Tempo medio di risoluzione ridotto;
  • Maggiore uptime;
  • Decisioni tecniche e aziendali basate sui dati.

Grazie a questo tool, tutte le informazioni riguardanti le API e le integrazioni sono monitorate e riportate sulla dashboard grazie a estrazioni automatiche che aiutano ed evitare ed eliminare eventuali colli di bottiglia. Un’unica dashboard può comprendere tutte le API, le integrazioni e i servizi di runtime rilevanti per quel team e sono personalizzabili in base alle esigenze. Anche gli alert possono essere personalizzati, dando loro diversi gradi di gravità che corrispondono a diverse esigenze di azione.

Mulesoft functional monitoring: feature base e upgrade

Mulesoft monitoring offre svariate feature e queste dipendono dal tipo di abbonamento che gli utenti decidono di sottoscrivere. Tutti i clienti ricevono le funzionalità di monitoraggio principali, ma è possibile sottoscrivere tre diverse tipologie di abbonamento e ottenere così ulteriori feature. Gli upgrade possibili (abbonamento Gold, Platinum, Titanium) integrano le feature del tool e permettono ad esempio: ottenere alert avanzati, la data retention per più di 30 giorni, metriche avanzate, ecc. Tra le feature comprese anche nell’abbonamento base, merita senz’altro un approfondimento l’API Functional Monitoring: si tratta di un framework che assicura qualità e affidabilità delle API pubbliche e private, utilizzate in un application network. Questa soluzione permette agli sviluppatori di eseguire test consistenti della performance delle API, lungo il loro intero ciclo di vita, sia in ambienti di testing che di sviluppo. Il Functional Monitoring contiene strumenti per la creazione di un monitor e per la loro modifica. I monitor servono a pianificare e testare determinati endpoint e altri componenti facoltativi che vuoi controllare.

In tal senso, viene messa a disposizione una vera e propria suite di test automatici, che copre aree di spessore come White Box Testing, Black Box Testing e General Monitoring. È possibile predisporre la verifica automatica dei servizi esistenti, nonché confermare la continuità di funzionamento e la consistenza dei dati, anche in relazione a casi d’uso mission critical.

Ogni suite è basata su una schedulazione programmata, i test sono implementati nel linguaggio proprietario Mulesoft, DataWeave, e si basano su una logica del tipo: “Dato un input di partenza X, verifica che l’output atteso corrisponda a Y”. La suite predispone altresì strumenti di regression testing, anche a fronte di modifiche sugli applicativi integrati, l’ESB diventa garante della continuità di servizio per tutte le applicazioni che lo circondano. Infine, sempre nell’ottica di monitoraggio, la suite mette a disposizione strumenti di performance monitoring, grazie alle quali è possibile tenere sotto controllo i tempi di esecuzione, anche a fronte di eventuali picchi di carico.

Perché questa funzione è importante? Monitorare un’API significa monitorare le prestazioni della sua risposta alle richieste che vengono inviate agli endpoint. Il servizio permette di cogliere in anticipo eventuali situazioni di stress e di starving dell’architettura, diventa un campanello di allarme che permette, insieme agli altri strumenti del Monitoring, di tenere sotto controllo le esigenze di scaling dell’ecosistema.

Mulesoft monitoring dashboard: creazione standard o personalizzata

Con Mulesoft monitoring è possibile creare un numero illimitato di dashboard, standard o personalizzate. Grazie alle dashboard, lo sviluppatore ha visibilità immediata sulle prestazioni degli applicativi e un’analisi dettagliata del network. Le dashboard di Mulesoft rappresentano graficamente il funzionamento dell’applicativo e l’eventuale presenza di anomalie. Il monitoring permette anche di verificare eventuali errori, diventa quindi uno strumento decisionale a supporto degli analisti, del management e dell’application maintenance. Permette di enfatizzare sia dati tecnici, ad esempio, i tempi di elaborazione di una Runtime Mule a fronte dei picchi di carico, sia dati di business, ad esempio, il totale degli articoli venduti e fatturati nelle ultime 24 ore.

Evidentemente, la visibilità offerta dall’Anypoint Monitoring scala con i fabbisogni dell’integrazione: al crescere dei sistemi integrati diventa possibile mettere in relazione dati critici per il business. Ad esempio: incrociare il trend di adozione di un prodotto con le politiche di merchandising adottate.

Le funzionalità espresse dipendono intimamente dai sistemi integrati, diventa quindi possibile combinare le metriche di tutti gli applicativi che Mulesoft mette in comunicazione, e in tal senso creare dashboard, grafici e tabelle che rispondono a bisogni di visibilità globali e unici per l’intera architettura. Le metriche non sono statiche, bensì continuamente aggiornate dalla Runtime Mulesoft: man mano che gli utenti producono e consumano le informazioni diventa sempre più possibile verificare i trend interni all’ecosistema aziendale. Inoltre, è possibile definire gli accessi, stabilire quindi regole e permessi che definiscono il ruolo di ogni utente, mettendolo in contatto esattamente con le informazioni che gli spetta sapere. Si tratta in definitiva di uno strumento ibrido, che permette il monitoraggio di dati aziendali, tecnici, e tutto ciò che sta nel mezzo, in tal senso, Mulesoft Monitoring mette in risalto la relazione tra business e tecnologia.

Cerchi maggiori informazioni?