Modernizzazione dei software legacy per il core banking

triangolo

La Software Modernization dei sistemi legacy

I software legacy sono ancora ampiamente utilizzati, in particolare nei settori bancario e finanziario. La loro adozione però comporta diverse inefficienze e conseguenti costi che solo un processo di modernizzazione può superare.

La modernizzazione del software può essere definita come un processo di evoluzione tecnologica, basato su strategie più o meno impattanti, che grazie all’implementazione di tecnologie moderne e più efficienti mira a migliorare il funzionamento degli applicativi.

Spesso non è necessario rimpiazzare i propri applicativi con nuove soluzioni, ma basta “semplicemente” modernizzarli e apportare le innovazioni tecnologiche necessarie.

Grazie alla software modernization le aziende possono ridurre i costi di gestione e manutenzione degli applicativi e, soprattutto, rimuovere gli ostacoli tecnici che limitano la trasformazione del proprio business, consentendo quindi di innovare più velocemente.

Modernizzare i propri applicativi significa innanzitutto analizzare quali aspetti necessitano di un intervento.  Per capire quale sia la soluzione di modernizzazione più adeguata, la fase di analisi è fondamentale.

Scarica il White Paper sulla Modernizzazione dei sistemi legacy in ambito Banking&Finance

I software legacy nei settori Banking&Finance

Nonostante i profondi cambiamenti che hanno interessato i settori bancario e finanziario negli ultimi trent’anni, questi si attestano tra i contesti principali dove il software legacy è ancora ampiamente diffuso.

In particolare, i sistemi legacy sono utilizzati in tutte le più comuni attività di core banking: transazioni bancarie, attività di back-end, aggiornamento dei registri contabili e alimentazione dei sistemi di reporting e comunicazione. I sistemi legacy sono poi ancora alla base dei processi di gestione del retail banking, ossia le attività che riguardano i depositi, i prestiti, i conti correnti, la gestione dei clienti e il tracciamento di tutte le informazioni relative alle transazioni.

L’81% dei dirigenti delle aziende dei servizi finanziari ritiene che le infrastrutture e le applicazioni IT di tipo legacy stiano un ostacolo ai loro obiettivi di trasformazione del business e automazione delle attività.

Perché allora banche e istituti finanziari continuano ad utilizzare i sistemi legacy? E quali conseguenze questo comporta?

Da una parte c’è sicuramente scarsa disponibilità di risorse e budget, destinati in gran parte alla manutenzione impegnativa degli stessi applicativi legacy; ma è soprattutto la centralità dei processi gestiti ad aver rallentato la modernizzazione: si pensi ad esempio che proprio su sistemi sviluppati in Cobol, linguaggio nato nel 1959, passano ogni giorno milioni di transazioni, in tutto il mondo.

I software legacy supportano quindi i processi core di molte istituzioni operanti in ambito finanziario. Processi back-end che, comunque, sono intrinsecamente legati all’esperienza dei clienti; e sono proprio gli utenti, oggi, a necessitare sempre di più di soluzioni snelle, veloci, personalizzate e di qualità, ad es. fruendo di funzionalità da mobile. Tutto questo si traduce nella necessità di adattare il contesto legacy a nuovi paradigma architetturali, per costruire strati applicativi moderni e consentire la fruizione di modelli business aggiornati.

I costi ed i vincoli più o meno nascosti dei software legacy: 

  • Manutenzione ad alto impatto: circa l’80% del budget IT viene riversato nella manutenzione dei software legacy e della relativa infrastruttura, a discapito di interventi di modernizzazione e innovazione;
  • Vincolano i processi business causando performance più basse, poor user experience, opportunità perse;
  • La mancanza di soluzioni software moderne ricade anche sulla sicurezza: in caso di attacco informatico, il tempo richiesto per individuare e risolvere il problema è decisamente superiore rispetto agli interventi su tecnologie moderne;
  • La documentazione per i developer è scarsa e tenderà a ridursi ulteriormente in quanto sempre meno sviluppatori sono formati sulle tecnologie legacy;
  • Legato al punto sopra, nel mondo del lavoro sono sempre meno i developer skillati sui linguaggi legacy e c’è quindi una carenza sempre più consistente di supporto;
  • La maggior parte dei software legacy non possono essere implementati in contesti moderni (ad es. servizi fruiti da mobile);
  • Scarsa compatibilità e possibilità di integrazione con i software enterprise più moderni e ampiamente utilizzati dalle aziende.

I vantaggi della modernizzazione: cosa dicono gli IT Manager

51%

migliora la customer experience

49%

aiuta lo sviluppo tecnologico

46%

permette la riduzione dei costi operativi

38%

accelera il processo di innovazione

27%

migliora il ROI

40%

porta a un aumento delle vendite

Le strategie di modernizzazione per il core banking

dialogo

Encapsulate

Incapsula i dati e le funzioni di un’applicazione per renderli disponibili come servizi tramite API
processo

Refactor

Riduci il debito tecnico ristrutturando e ottimizzando il codice per renderlo più stabile e sicuro, senza apportare modifiche al comportamento funzionale dell'applicativo
dematerializzazione

Replatform

Containerizza le applicazioni, consentendo la migrazione su nuove piattaforme di runtime e migliorando il processo di deployment
legge

Rearchitect

Fornisci una nuova e moderna architettura all'applicativo, passando da soluzioni monolitiche a soluzioni distribuite basate sui microservizi
firma

Rebuild

Riscrivi l'applicativo in un linguaggio di programmazione più moderno ed efficace, adottando l'approccio DevOps per la costruzione e gestione di pipeline CI/CD

I software legacy e il debito tecnico

I software legacy nascondono un alto tasso di debito tecnico: il mancato intervento sul codice e l’utilizzo di tecnologie obsolete per lungo tempo, porta all’accumulo di bad code e a ridondanze che rallentano il funzionamento dell’applicativo. Gli interventi di refactoring diventano sempre più complessi e dispendiosi: per questo è importante analizzare il livello di debito accumulato dai proprio sistemi legacy e utilizzare strumenti in grado di indicare le porzioni di codice ad alto tasso di debito sulle quali è necessario intervenire.

APPROFONDISCI IL DEBITO TECNICO
Refactoring

Rearchitect: l'importanza delle architetture a servizi

L’architettura software monolitica, tipica dei software legacy, è oramai superata dalle architetture distribuite e a servizi. I microservizi assicurano modularità e isolamento, velocizzando così la fase di sviluppo, la scalabilità dell’applicativo e garantendo la possibilità di interventi immediati e “a caldo”.

APPROFONDISCI I MICROSERVIZI
Architetture software

Creazione e gestione delle applicazioni containerizzate

Le applicazioni containerizzate, corredate di tutte le componenti necessarie per essere eseguite, si contraddistinguono per l’alta portabilità, per l’indipendenza e per l’esecuzione più rapida e sicura. Grazie a piattaforme di container management come Docker e a strumenti di orchestrazione come Kubernetes e OpenShift, la gestione containerizzata delle applicazioni si colloca tra i paradigmi più innovativi e performanti di sviluppo e modernizzazione degli applicativi.

SCOPRI DI PIÙ SUI CONTAINER
Software modernization container

DevOps Pipeline CI/CD

Passa a un approccio di sviluppo software automatico e continuo grazie ai tool di costruzione e gestione delle pipeline di DevOps. Scopri come ridurre i tempi di sviluppo e il rischio di errore, ottenere una delivery più veloce e meno bug e come accelerare il time-to-value.

SCOPRI DI PIÙ SU DEVOPS
Devops

Scarica il White Paper sulla Modernizzazione dei sistemi legacy in ambito Banking&Finance

Il nostro approccio

La modernizzazione dei software legacy parte da un’approfondita fase di assessment ed analisi, condotta fianco a fianco con il cliente, volta ad evidenziare le criticità dell’ecosistema applicativo e, successivamente, a disegnare una roadmap evolutiva che definisca gli interventi di ammodernamento in ordine di opportunità e priorità e sulla base di obiettivi ed esigenze condivisi.

Il progetto di modernizzazione è definito sulla base dei seguenti step:

  • Raccolta requisiti tramite interviste e documentazione;
  • Reverse engineering/architetturale se necessario;
  • Analisi dello scenario AS-IS;
  • Definizione dello scenario TO-BE.

L’output di tutto il processo di analisi è un report dettagliato che mappa i processi core ed i servizi business supportati dalle componenti applicative, e descrive e quantifica gli interventi necessari, in termini di soluzioni, attività, risorse e strumenti, per innovare e consolidare i sistemi. In particolare, dal confronto fra lo scenario AS-IS e quello TO-BE nasce un piano operativo di interventi suggeriti, volto a superare le maggiori criticità in termini di architetture, sicurezza, performance/continuità di servizio e vincoli/dipendenze tecnologiche.

Perchè Omnia Group?

Omnia è il partner tecnologico che, grazie a un team tecnico composto da profili professionali con skill e competenze variegate, è in grado di fornire al cliente pieno supporto per i progetti di modernizzazione, dalla fase di consulenza ed analisi strategica dell’innovazione a quella più operativa di sviluppo e manutenzione dei software.

Abbiamo 25 anni di esperienza nell’ambito della progettazione di soluzioni software enterprise e seguiamo costantemente la trasformazione digitale dei nostri clienti, tra cui importanti realtà italiane anche del mondo finanziario.

triangolo

Scopri il percorso di innovazione più adatto alle tue esigenze

Richiedi un'analisi dei tuoi applicativi legacy!