Omnia Group Smart Business

il blog che aiuta le Aziende italiane a crescere attraverso la Tecnologia

Si è tenuto nei giorni scorsi a Barcellona il Gartner Symposium/ITxpo 2014, che ha visto fra i temi affrontati un focus su vantaggi e benefici che l’adozione di un approccio Bring Your Own Device può portare nei contesti aziendali.

Source: www.gartner.com

  • Secondo un recente rapporto di Gartner Inc, i programmi che consentono di adottare la filosofia Bring Your Own Device (BYOD) applicata a dispositivi tablet offrono alle organizzazioni migliori opportunità rispetto alla fornitura al personale di dispositivi aziendali. Questo perché il supporto agli utenti da parte delle divisioni IT aziendali può essere tre volte superiore nel caso di soluzioni bring you own device, rispetto a contesti in cui vengono utilizzati dispositivi aziendali.
  • “I responsabili IT spendono mezzo milione di dollari per comprare circa un migliaio di dispositivi aziendali e garantirne il supporto; con lo stesso budget, possono offrire assistenza relativa a oltre 2700 dispositivi di proprietà degli utenti finali,” ha stimato Federica Troni, Research Director di Gartner. ” Quando le organizzazioni hanno un numero ampio di utenti che necessitano di un tablet come dispositivo di convenienza, offrire un’opzione BYOD è la migliore alternativa per limitare i costi e ampliare l’accesso“. Nel 2017, secondo Gartner, circa il 90% delle imprese avrà introdotto qualche aspetto del BYOD all’interno della propria organizzazione. Oggi questi programmi hanno diversi gradi di maturità, ma entro il 2018 i dispositivi di proprietà dei dipendenti vedranno una diffusione di utilizzo più che doppia rispetto agli strumenti di proprietà enterprise.
  • Secondo i dati raccolti in un’indagine condotta nel primo trimestre del 2014 tra 135 direttori IT che hanno incoraggiato attivamente l’adozione della filosofia BYOD, la gestione dei dispositivi mobile (87%), l’evoluzione dell’infrastruttura generale (84%) e l’esigenza di condivisione e sincronizzazione di file (80%) sono stati i tre principali motori che hanno spinto gli investimenti a sostegno delle iniziative di BYOD. Tuttavia, adottare questo tipo di assetto comporta nuovi doveri e responsabilità da entrambi i lati: da un lato, le organizzazioni che consentono agli utenti di utilizzare i dispositivi personali a fini lavorativi devono ridefinire i confini della proprie competenze in materia di supporto e assistenza; dall’altro, gli utenti devono accettare la responsabilità di gestire un maggior numero di attività attraverso il proprio dispositivo.