Omnia Group Smart Business

il blog che aiuta le Aziende italiane a crescere attraverso la Tecnologia

L’interesse verso l’Internet of Things è cresciuto esponenzialmente negli ultimi anni, basta vedere il numero di conferenze, articoli e studi sul tema; molte organizzazioni ci vedono una grande opportunità perché ritengono che l’IoT consenta loro di espandere e migliorare i processi di business ed accelerarne la crescita. Tuttavia, la rapida evoluzione del mercato ha causato un’esplosione del numero e varietà di soluzioni IoT, ponendo numerose sfide in termini di sicurezza informatica.

Source: //www.iottechexpo.com/

  • Un primo esempio di quanto il tema della sicurezza sia urgente è la grande diffusione di attacchi di tipo Distributed Denial of Service (DDoS), come quello che ha colpito i server di Twitter, Netflix e Paypal lo scorso ottobre; è il risultato di un attacco massivo che ha coinvolto milioni di indirizzi internet e software malevoli. Una delle fonti del traffico sono stati dispositivi IoT colpiti dal malware Mirai, un semplice programma disponibile online; innumerevoli device quali telecamere a circuito chiuso e dispositivi smart-home sono stati ingannati dal virus e utilizzati per violare gli accessi ai server.
  • La sfida principale relativa alla sicurezza IoT riguarda gli aspetti architetturali. Attualmente tutto si basa su un modello centralizzato chiamato server/client: i dispositivi sono identificati, autenticati e connessi tramite server in cloud con ingenti capacità di elaborazione e salvataggio; la connessione tra i dispositivi avviene in cloud. Questo modello, sebbene funzioni da numerosi anni e sia ancora funzionale rispetto alla esigenze di oggi, non sarà in grado di soddisfare le crescenti necessità degli enormi ecosistemi IoT di domani.
  • Secondo molti esperti del settore, la soluzione a questo limite è rappresentata dalle Blockchain, database in grado di gestire un insieme di record di dati in continua crescita. Essendo la Blockchain distribuita, tutti i nodi possiedono una copia della catena. Quando qualcuno vuole aggiungere una transazione alla catena, tutti i partecipanti dovranno validarla attraverso un algoritmo, secondo appositi parametri stabiliti in precedenza. I vantaggi di utilizzare una Blockchain sono molti: è pubblica, e quindi chi vi partecipa può vedere blocchi e transazioni in essa presenti, anche se non può accedere ai contenuti se protetti; è decentralizzata, e per questo motivo non c’è un singolo referente a cui fare capo e la responsabilità è dunque ripartita tra tutti i partecipanti; è sicura, dal momento che il database può solo essere esteso e i record precedenti non possono essere modificati.
» Scopri i servizi di Digital Transformation & Digital Marketing Omnia Group