Omnia Group Smart Business

il blog che aiuta le Aziende italiane a crescere attraverso la Tecnologia

Secondo una ricerca condotta da IDC che ha visto il coinvolgimento di oltre 1.600 aziende europee (Italia, Regno Unito, Germania, Spagna e Francia), i Big Data risultano uno strumento scarsamente compreso e utilizzato, le cui potenzialità rimangono quindi inespresse.

Source: www.wired.it

  • I Big Data, considerati da tutti i principali osservatori e istituti di ricerca come uno dei trend più interessanti dal punto di vista delle opportunità create per il business, non ottengono, dalle aziende europee, l’attenzione che meritano. I dati relativi all’adozione di tali tecnologie parlano estremamente chiaro: il 53% delle aziende non dispone attualmente di soluzioni in grado di gestire i Big Data. Non solo; un quarto delle aziende europee, percentuale che sale se circoscritta al panorama italiana, non possiede una visione chiara sul tema e non è quindi in grande di comprendere l’importanza di agire in merito. Tra le principali cause additate dalle aziende per giustificare questa situazione emergono la mancanza di competenze specifiche ed una scarsa comprensione dell’utilità e del valore della tecnologia.
  • Ci sono settori in cui i Big Data vedono una maggiore adozione. Il primo è, per ovvi motivi, il mercato telecomunicazioni e media; questo è dovuto al fatto che le aziende che operano in questo settore hanno l’esigenza primaria di comprendere a fondo i propri clienti per ottimizzare le interazioni, e in questo i Big Data rappresentano una fonte incredibilmente preziosa di informazioni. Anche le imprese operanti nei mercati dei servizi finanziari e della manifattura su larga scala mostrano una buona adozione di questa tecnologia. Per quanto riguarda invece i trend in crescita, il settore che mostra i segnali di crescita più incoraggianti è quello relativo ai servizi sanitari. Per quanto riguarda il mercato italiano, i settori più aperti all’adozione di soluzioni Big Data risultato essere retail, mercato finanziario, traporti e pubblica amministrazione, anche se quest’ultima li utilizza in chiave open data nell’ambito della lotta all’evasione fiscale.
  • In ogni caso, sembra che nel nostro paese e in generale in Europa l’atteggiamento delle imprese nei confronti dei Big Data stia mutando. Un numero consistente di aziende ha infatti assicurato che prevede di dotarsi di queste soluzioni nel corso del prossimo anno. Relativamente al nostro mercato, IDC ha stimato che nel 2018 gli investimenti in ambito Big Data raggiungeranno la cifra di 373 milioni e saranno destinati i in particolare all’acquisto di software, alla fruizione di servizi IT e alla dotazione di soluzioni per lo storage di dati e informazioni.